L'Associazione Sovrapensiero promuove un Progetto Sociale dedicato al "Lavoro Femminile"
Digitalk dal titolo "Il Senso del lavoro per le donne. Storia di una violenza di genere subdola e incompresa"

Si terrà venerdì 4 dicembre dalle ore 16,30 alle 18,30 il Digitalk "Il senso del lavoro per le donne. Storia di una violenza di genere subdola e incompresa", organizzato dalla Consigliera di Parità della Regione Umbria, Monica Paparelli con l’Associazione di Promozione Sociale e Culturale Sovrapensiero, e il Centro Pari Opportunità della Regione, prima tappa di un percorso interamente dedicato al "Lavoro Femminile".

Locandina convegno 4-12-2020.jpg - www.sovrapensiero.it

Il convegno rientra nel contesto tematico del mese di novembre, dedicato alla sensibilizzazione sulla violenza contro le donne e fornisce un quadro dettagliato e una riflessione aperta, sulla natura iniqua e contraddittoria che ancora caratterizza la posizione delle donne nel mondo del lavoro attualmente acutizzata dalla pandemia in atto. Il programma prevede un’introduzione tecnica-scientifica, di Enza Galluzzo, dell’AUR Umbria, che fornirà un quadro con dati alla mano del lavoro femminile in Umbria, partendo dal dato nazionale. Si farà riferimento alla ricerca "Asimmetrie di Genere" analizzando le Topic "Asimmetrie" e il nuovo "Rapporto" dell’AUR sulla condizione lavorativa della donna in Umbria da diversi punti di vista, anche e soprattutto a fronte della pandemia che stiamo vivendo. A seguire l’analisi sociale del fenomeno sarà affidata a Silvia Fornari, Docente di Sociologia Generale dell’Università degli Studi di Perugia che proporrà una riflessione sui paradossi del lavoro al femminile, quei gap di genere che allontanano le donne da un’equa partecipazione al mondo del lavoro e da un equo riconoscimento del loro ruolo. Monica Paparelli, Consigliera di Parità Regione Umbria, partendo dal commento sui dati emersi dalla Ricerca AUR e dall’analisi condotta dall’Università, approfondirà le motivazioni alla base della bassa partecipazione al mercato del lavoro delle donne in Italia, con particolare riferimento all’Umbria; mentre Maria Teresa Di Lernia, Cons. di Parità Provincia di Terni, rifletterà sul "Caso" smartworking, come strumento adeguato di lavoro, formula agile o tranello?; Giuliana Astarita, Cons. di Parità Provincia di Perugia, infine parlerà delle Politiche di conciliazione tra vita privata e lavoro.

La parte centrale del convegno è dedicata agli "Strumenti "legali per marginalizzare il ruolo della donna nel mercato del lavoro" con l’intervento delle Avvocate Emma Contarini, Esperta in Diritto di Famiglia e Monica Raichini, Vice Presidente Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati.

Il licenziamento in bianco, che ora è stato abrogato dalla legge, il "Mobbing", non espressamente normato e ancora utilizzato in molteplici forme sempre più subdole nei confronti della donna, saranno il fulcro dei due interventi che getteranno lo sguardo avanti per incentivare una formazione agli addetti ai lavori nel riconoscimento della discriminazione di genere.

Caterina Grechi neo Presidente del CPO (Centro Pari Opportunità) della Regione Umbria aprirà il Talk dedicato ai "Fenomeni di violenza diretta" e analizzato poi dalla Vice Presidente del CPO Tatiana Cirimbilli e dalla Consigliera del CPO Vittorina Sbaraglini. Questa sarà l’occasione per presentare anche i dati del "Telefono Donna" (800861126), servizio messo a disposizione dal Centro Pari Opportunità, attivo 24 ore su 24, come strumento essenziale di primo accesso alla segnalazione di violenze familiari e extrafamiliari.

Tiziana Casale, Presidente dell’Associazione Progetto Donna presenterà una proposta di lavorare sulle modifiche delle leggi regionali che regolano il welfare al femminile .

A chiudere l’incontro sarà l’Avvocata Eleonora Magnanini, Presidente di FIDAPA BPW Sez.Todi, che partendo dalla "Produttività al femminile", parlerà della Maternità come risorsa, per sfatare un luogo comune, perchè le donne che diventano mamme non sono un peso per la Società e il mondo del lavoro ma un grande indice di produttività: la maternità aumenta l’empatia, l’attitudine al problem solving e aumenta l’orientamento al risultato.

Per seguire il DigiTalk:
Piattaforma Starlef - stanza 4242110898 https://meet.starleaf.com/4242110898/browser
Diretta Facebook: https://www.facebook.com/lesovrapensiero

Vi aspettiamo!
Associazione di Promozione Sociale Culturale Sovrapensiero

 

Emergenza Donna: l'altra faccia del Covid-19
Intervista al Dott. Giuseppe Luzi

Il Dottor Giuseppe Luzi, specialista in Ostetricia e Ginecologia all'Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, risponde con cortesia alle domande della nostra associazione, contribuendo alla campagna #sovrapensierocovid-19 "EMERGENZA DONNA - L'altra faccia del COVID-19", una iniziativa con cui Sovrapensiero intende ritagliare, all'interno di questa fase così delicata, uno spazio di comunicazione, testimonianza e supporto per tutte le donne che vivono con ulteriore difficoltà questo momento, poiché come sappiamo il #Coronavirus rischia di aggravare la condizione di molte di loro, spezzando equilibri già fragili ed esasperando le discriminazioni di genere a cui sono soggette.

Dottor Giuseppe Luzi, specialista in Ostetricia e Ginecologia all'Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia - www.sovrapensiero.it

Il Dottor Luzi comincia subito rassicurando le mamme sulla questione Covid19: "Fino ad oggi, come per altre infezioni passate (vedi la SARS), il virus non è trasmissibile al bambino. Non è mai stato ritrovato nel liquido amniotico né all'interno del latte. In base agli studi fatti in Cina e in Italia, e ai pochi casi di mamme positive al Covid19 che hanno partorito qui in reparto, si conferma la non trasmissibilità del virus al bambino".

C'è grande fermento tra le mamme che non sanno se allattare o no i propri bambini...
Nel latte materno sono presenti gli anticorpi del Covid19. Le società di neonatologia e medicina prenatale consigliano fortemente l'allattamento.

Ma una donna attualmente in gravidanza che precauzioni deve prendere nei confronti del Covid19?
La donna in gravidanza è immunodepressa: potrebbe quindi, in teoria, sviluppare il virus in forma anche più forte ma finora i casi sono pochi. Sicuramente le mamme devono stare molto attente, seguire accortezze doppie rispetto agli altri come stare il più possibile a casa, seguire norme igieniche consigliate e quant'altro. Fidatevi del vostro medico.

Per una mamma che viene in ospedale a partorire ed è positiva al Covid19, cosa succede?
Il nostro reparto ha già attrezzato un percorso particolare che permette di gestire in maniera tranquilla e senza particolari traumi la paziente Covid positiva. Siamo anche attrezzati perchè la paziente possa essere seguita da noi durante l'isolamento e al momento del parto. Abbiamo definito un protocollo molto rigido per permettere alla paziente di partorire in sicurezza. L'azienda Ospedaliera è pronta e mi permetto di dire che è leader: una paziente positiva ha da poco partorito nel nostro reparto e sia lei che il bambino stanno benissimo.

Negli ultimi anni la maggior dei papà è entrata nelle sale parto per assistere alla nascita dei propri bambini. L'emergenza attuale non lo permette più?
Non possiamo nasconderci dietro ad un dito: il disagio vero di questa situazione di emergenza è che le puerpere devono partorire sole. Non partoriscono sole, ovviamente ci siamo noi, c'è tutto il personale che con affetto e umanità cercherà di rassicurare la mamma. È comprensibile da parte di tutti che se in sala parto mettiamo la mamma, l'ostetrica, il medico, lo spazio per restare in sicurezza non c'è. Questo per dire che il marito non può assistere al parto, almeno fino a quando il virus non allenta la morsa.

Ma in reparto può venire qualcuno a far vista alla mamma ricoverata?
Un'ora al giorno, rispettando le distanze e con la mascherina. Queste precauzioni sono necessarie soprattutto per proteggere la neo-mamma. Le pazienti sono ricoverate una per stanza, con il proprio bagno. Cerchiamo inoltre di ricoverare solo chi ne ha reale bisogno.

Quindi, niente visite di parenti in ospedale?
Per capirci, i pochi bambini positivi al Covid19 hanno contratto il virus a causa di contatti avuti con soggetti esterni.

Secondo lei quando inizieremo ad allentare la guardia?
Non prima di Giugno. Quello che mi preoccupa è che quando torneremo ad uscire, dovremo capire che deve essere un processo graduale e fatto per fasce d'età. Proprio le mamme nel momento in cui si inizierà a rimettere in moto il sistema devono stare attentissime perchè hanno la responsabilità del figlio.

Ringraziamo il Dott. Luzi che prima di salutarci aggiunge: "Indossate le mascherine, è un modo per proteggere gli altri. Tutto andrà bene."

#sovrapensierocovid19

 

"Sovrapensiero"
Associazione di promozione Sociale e Culturale.

Nasce come progetto contro gli stereotipi, per la prevenzione delle discriminazioni e la cultura del rispetto. Scopo principale è abbattere i pregiudizi e provare a cambiare mentalità. Sovrapensiero accadono milioni di cose. Sovrapensiero si sbaglia strada, si dice alla persona che si ha davanti quello che si ha nel cuore, Sovrapensiero si sogna ma più spesso si vive. Abbiamo scelto questo nome per la nostra Associazione, i nostri canali social (Facebook, Instagram, Youtube) e il format web e tv, perché stando al di sopra, quasi astraendosi, anche da noi stessi, si vedono le cose come sono. Abbiamo voluto creare un luogo dove è possibile parlare di tutto con semplicità, profondità ma assolutamente senza giudizio o discriminazione. Dando voce e puntando i riflettori sui soggetti più deboli ed emarginati, con interventi atti ad eliminare l'esclusione sociale delle categorie svantaggiate; ma soprattutto facendo rete con altre associazioni che operano per promuovere la difesa dei diritti umani e la diffusione tra i cittadini della coscienza solidaristica.

Molti i casi di questo genere che sono alla continua attenzione dell'Associazione e delle persone che vi operano prodigandosi, in primo luogo, ascoltando e aiutando a trovare, se possibile, delle soluzioni. Possiamo testimoniare che spesso l'ascolto risulta una medicina più efficace di molte altre, e per questo Sovrapensiero mette a disposizione i propri canali alla partecipazione di altre Associazioni, società o Enti aventi scopi analoghi o connessi ai propri.

Sostieni le attività di "Sovrapensiero"

Se vuoi aiutarci nel nostro impegno solidaristico puoi farci una donazione tramite Bonifico Bancario presso Banca Intesa Sanpaolo Spa, Filiale accertata Terzo Settore, Via XX Settembre, 70-A, Perugia, IBAN: IT47V0306909606100000170951

 

Il nostro sito è in costruzione, però puoi seguirci sulla nostra pagina Facebook, sul nostro canale Youtube e su Instagram !!

 

La nostra pagina Facebook

Sovrapensiero

Campagna

Il nostro canale Youtube